Categorie
Tedesco

I verbi di posizione in tedesco

I verbi di posizione in tedesco: stehen – stellen, liegen – legen, sitzen – setzen

Tutti sanno che il tedesco è una lingua molto precisa. In italiano abbiamo il verbo mettere che in inglese corrisponde al verbo put. In tedesco ovviamente non è sufficiente un solo verbo: in italiano e in inglese possiamo mettere una bottiglia sul tavolo e un libro sul letto senza grosse complicazioni linguistiche. In tedesco si tiene conto non solo della posizione dell’oggetto ma anche del fatto se esso sia in movimento o no.

A prima vista sembrerà complicato, ma nessuno può mettere in dubbio che la posizione della bottiglia e del libro in effetti non sono uguali. Il libro giace sul letto orizzontalmente, mentre la bottiglia sta in piedi sul tavolo verticalmente. Per il libro in tedesco viene usato il verbo liegen – legen, per la bottiglia  invece stehen – stellen. C’è poi un terzo verbo che esprime il concetto di mettere qualcosa a sedere (per esempio un bambino, ma anche se stessi) sitzen – setzen. Senza approfondimenti i verbi di posizione potranno sembrare un po’ ostici, ma in tedesco c’è una spiegazione logica per tutto.

Oltre alla posizione si deve tenere conto anche del fatto se un oggetto si trova già in quella posizione (assenza di movimento) o se viene messo in una determinata posizione (presenza di movimento). Parliamo della differenza fondamentale tra lo stato in luogo degli oggetti (e delle persone) e il moto a luogo.

Nei verbi di posizione, per lo stato in luogo si usa il dativo che risponde al pronome interrogativo „Wo?“ = dove (si trova)?

Per il moto a luogo viene invece usato l’accusativo e il pronome interrogativo “Wohin?” (verso) dove (lo metto)?

liegenstare distesilegenmettere disteso qc.
stehenstare in piedistellenmettere in piedi qc.
sitzenstare sedutisetzenmettere a sedere qc./qn.

Di seguito alcuni esempi strutturati per rendere più chiara la spiegazione:

Liegen – legen

Das Buch liegt auf dem Tisch.

Stato in luogo

Wo liegt das Buch?
Dove si trova (disteso) il libro?

Das Buch liegt auf dem Tisch.
Il libro si trova sul tavolo.

Ich lege das Buch auf den Tisch.

Moto a luogo

Wohin legst du das Buch?
Dove metti (disteso) il libro?

Ich lege das Buch auf den Tisch.
Metto il libro sul tavolo.

Stehen – stellen

Die Flasche steht auf dem Tisch.

Stato in luogo

Wo steht die Flasche?
Dove si trova (in piedi) la bottiglia?

Die Flasche steht auf dem Tisch.
La bottiglia si trova sul tavolo.

Ich stelle die Flasche auf den Tisch.

Moto a luogo

Wohin stellst du die Flasche?
Dove metti (in piedi) la bottiglia?

Ich stelle die Flasche auf den Tisch.
Metto la bottiglia sul tavolo.

Sitzen – setzen

Das Kind sitzt auf dem Stuhl.

Stato in luogo

Wo sitzt das Kind?
Dove è seduto il bambino?

Das Kind sitzt auf dem Stuhl.
Il bambino è seduto sulla sedia.

Ich setze das Kind auf den Stuhl.

Moto a luogo

Wohin setzt du das Kind?
Dove metti a sedere il bambino?

Ich setze das Kind auf den Stuhl.
Metto a sedere il bambino sulla sedia.

Un esempio notevole:

Ich sitze auf dem Stuhl.
Sto seduto sulla sedia.

Ich setze mich auf den Stuhl.
Mi siedo sulla sedia.

Hängen (appendere)

Anche hängen è un verbo di posizione che a differenza dei primi ha un’unica forma sia nello stato in luogo (con il dativo) che nel moto a luogo (con l’accusativo).

Stato in luogo

Wo hängt das Bild? Das Bild hängt an der Wand.
Dove è appeso il quadro? Il quadro è appeso alla parete

Moto a luogo

Wohin hängst du das Bild? Ich hänge das Bild an die Wand.
Dove appendi il quadro? Lo appendo alla parete.

Alles klar? Mi auguro che la spiegazione sia stata chiara ed esaustiva… ma se rimangono dubbi, lasciate un commento e vi risponderò volentieri.

7 risposte su “I verbi di posizione in tedesco”

Wo hängt das Bild? Das Bild hängt an der Wand. (der Wand=dativ)
Wohin hängst du das Bild? Ich hänge das Bild an die Wand. (die Wand=akk.)

Mi scusi ma non ho compreso perché scrive che il verbo hängen non fa muta; le declinazioni degli aggettivi cambiano come indicato sopra.
Grazie per la spiegazione.
Danke

Buongiorno Claudio, la ringrazio per l’opportuna osservazione poichè a una lettura più attenta in effetti non era chiaro il senso di quanto scritto; il paragrafo è stato modificato sperando che ora sia di più facile comprensione. Il concetto è che se nei primi tre verbi di posizione si usa una coppia di verbi (stehen/stellen, liegen/legen, sitzen/setzen) da applicare uno allo stato in luogo l’altro al moto a luogo, per appendere il verbo è lo stesso nei due casi… per fare un paragone con i primi tre, è come dire che si usa la coppia hängen/hängen. Spero di aver risolto il dubbio… e buono studio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.